Mancano 10 giornate e il recupero Ascoli-Cremonese, più i 5 turni dei playoff e i 2 del playout. Tra maggio e giugno le date ci sarebbero, ma è già messa in conto la possibilità di sforare a luglio. Al di là delle date comunque sarà una ripresa difficile e Balata avvisa: «Maggiore sarà il nostro grado di attenzione, minore sarà la durata del periodo di emergenza». Ecco la sua proposta: «Ho lanciato l’idea di un “Piano Marshall” che possa mettere in campo strumenti straordinari e che consenta di avere delle priorità: la prima, naturalmente, riguarda la salute di tutti i giocatori, degli staff, dei dipendenti dei club, e la seconda la sopravvivenza del sistema Serie B, ma più in generale del sistema calcio italiano, magari inserendo degli strumenti di defiscalizzazione che alleggerirebbero la pressione sui club. Servono fondi straordinari per evitare che sorgano ulteriori problemi e che possano far fronte a questa crisi che così duramente sta colpendo il nostro Paese ma dalla quale, certamente, ne usciremo ancora più forti».

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Sab 21 marzo 2020 alle 17:00 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print