In realtà è tutto il Pescara a mantenere alta la concentrazione in campo a lungo, visto che si tratta della squadra che più di tutte le altre ha migliorato nei secondi tempi, realizzando proprio in quei frangenti nove delle undici reti complessive. Ovvio che nessuno disdegnerebbe cominciare a buttarla dentro un po’ prima. «Forse - la spiegazione del “Robben delle Puglie” - a volte sbagliamo l’approccio, ma col tempo risolveremo anche questo inconveniente che ci ha talvolta limitato». Comunque Galano finora si è dimostrato un innesto azzeccatissimo, il giocatore ha trovato infatti quella continuità di rendimento che l’anno scorso a Foggia certa critica gli rimproverava di non avere («ma io non mi faccio condizionare da certi giudizi, penso solo a lavorare a testa bassa, poi sarà il campo a dare il verdetto») e non sappiamo se potrà spingere in alto il Pescara. Intanto però l’attaccante biancazzurro sta rilucidando la sua immagine di bomber a suon di gol molto pesanti. Il resto, si spera, verrà di conseguenza

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Ven 11 ottobre 2019 alle 12:30 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print