Massimo Oddo ha commentato in conferenza stampa la brutta sconfitta del Pescara a Venezia: "La squadra è fragile, a livello emotivo abbiamo accusato il gol preso allo scadere. Ma i gol si subiscono e non possiamo non reagire. Questa fragilità va rimossa".

Nel complesso una prestazione negativa: "Abbiamo delle assenze, la squadra è costretta a giocare a terra proprio per la struttura dei nostri attaccanti. Nel primo tempo abbiamo sofferto ma ci siamo difesi bene. Nella ripresa abbiamo fatto male, i troppi gol presi sono sintomo di una mancanza di compattezza".

C'è preoccupazione tra i tifosi: "E' normale essere pessimisti dopo un pareggio e tre sconfitte. Ma cerchiamo di trovare i lati positivi. Abbiamo problemi strutturali in squadre e giocatori importanti per noi che sono fuori".

Sulle scelte: "Giocando tre partite in una settimana ho dovuto cambiare molto la squadra. Diambo è entrato bene, Nzita anche ci ha dato maggiore copertura. Alcune scelte sono state obbligate".

Sei preoccupato: "Mi spaventano i problemi strutturali della squadra e la fragilità emotiva dei giocatori".

Galano non ha brillato: "E' in difficoltà, non ha la brillantezza solita che conosciamo. Dobbiamo avere pazienza".

Sei soddisfatto del mercato: "I voti si danno a fine campionato e sono stufo di queste domande. Non mancano giocatori, li abbiamo ma sono fuori come Maistro, Ceter e Asencio".

Può però servire un centravanti: "Se arriva un giocatore forte e pronto tutti gli allenatori sarebbero felici. Ma se arriva Pazzini bisognerà vedere come starà fisicamente. Se dovesse rientrare tra un mese mi affiderei agli altri, ma prima di tutto è da vedere se arriverà". 

Sezione: Primo Piano / Data: Mar 20 ottobre 2020 alle 23:45
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print