Il difensore dell’Hellas Verona Alan Empereur ha parlato a La Gazzetta dello Sport in vista della sfida contro il Pescara: “Il meglio l’abbiamo sempre dato quando c’era tutto in gioco. Il Pescara è avvantaggiato dal regolamento, ma questo Hellas ha dimostrato di poterlo battere”.

Il brasiliano si è poi concentrato su cosa è cambiato da Fabio Grosso ad Alfredo Aglietti, elogiando entrambi gli allenatori: “La mano di Grosso è rimasta e se è stato esonerato è perché noi giocatori non abbiamo reso per quello che potevamo. - continua il centrale - Aglietti ha portato certamente delle modifiche, meno possesso palla e più verticalità. Anche a livello mentale il suo impatto è stato forte, lui ha vinto in questa piazza, è stato capitano e ci ha spiegato cosa serviva per portare i tifosi dalla nostra”.

Infine Empereur ha parlato dei propri sogni, a breve e lungo termine: “Vorrei giocare nella Liga e marcare Luis Suarez, il più micidiale attaccante del mondo. Ma ora voglio battere il Pescara e conquistare la Serie A”.

Sezione: Avversario / Data: Ven 24 maggio 2019 alle 23:00
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print