Concede un tempo, poi rientra in partita e mette in difficoltà la corazzata Roma, ma torna a casa a mani vuote. La Primavera del Pescara riparte con una sconfitta: vince la squadra di mister De Rossi per 2 a 1. I biancazzurri restano terzultimi. Legrottaglie non ha più a disposizione il 2001 Palmucci, uno dei migliori del suo gruppo, ieri non convocato e in procinto di essere ceduto dal club (Parma favorito). Non è ancora disponibile l’attaccante italo argentino Belloni, 2001, in attesa del transfer internazionale dal River Plate. Il tecnico attende anche il ritorno di edgar Elizalde dal prestito al Catanzaro: i calabresi fanno resistenza e vorrebbero tenere l’uruguaiano, ma il Pescara preferisce riportarlo alla base per rinforzare la Primavera. Ieri è tornato dopo sei mesi il capitano Marafini: il difensore centrale in campo dal 1’ ha dimostrato di aver superato l’infortunio, sarà un elemento prezioso nella seconda parte di stagione. I giallorossi costruiscono la vittoria nel primo tempo, andando in vantaggio con Calafiori e Sdaigui. Nella ripresa, calano i ritmi e le occasioni della Roma diminuiscono (Sorrentino determinante). La squadra di casa s’innervosisce, cerca solo di gestire e permette ai giovani del Delfino di accorciare con un rigore di Pavone prima della mezzora. C’è anche un’espulsione, del giallorosso Astrologo (esordio in Primavera), a rendere ancora più frizzante il finale. Il Pescara, però, non riesce più a impensierire la difesa di casa e deve tornare dalla trasferta senza punti.

Sezione: Giovanili / Data: Lun 13 gennaio 2020 alle 17:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print