Il Pescara adesso affronterà una tra Verona e Perugia e, in semifinale, avrà il vantaggio dei due risultati a favore. L’esperienza serve, allora, eccome se serve: gestire le partite, cercando di non perdere la prima in trasferta, o limitare al massimo i gol subiti. Nel 2015, fu così che il Bologna soffiò la promozione a Brugman e compagni: doppio pareggio in finale (0-0 a Pescara e 1-1 in casa, gol di Pasquato) e addio ai sogni. Andò meglio contro il Trapani, con la vittoria in casa decisiva a sovvertire gli equilibri prima del ritorno in Sicilia, in cui lo storico gol di Verre dametà campo firmò il ritorno in serie A.

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Sab 18 maggio 2019 alle 13:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print