Una squadra retrocessa in C con un monte ingaggi di 5 milioni di euro. E' il paradosso Pescara. Uno dei club con gli stipendi più alti della B, ma dal rendimento talmente negativo da sprofondare in terza serie con qualche giornata di anticipo e senza aver mai dato la sensazione di poter davvero meritare un posto in un campionato anche piuttosto scadente sul piano del gioco e dei valori tecnici complessivi. La B adesso è un ricordo. Bisogna ripartire dal basso. 

Sezione: News / Data: Mar 04 maggio 2021 alle 12:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print