Le due settimane di isolamento e senza sedute collettive hanno pesato sicuramente sulla qualità della partita di martedì scorso. Ma è stato sbagliato ancora una volta approccio, e questo non può non essere imputabile al dna dei giocatori: quasi tutti bravi nel fioretto, pochissimi a loro agio con la spada. Il Delfino, però, non è stato nemmeno in grado di costruire il gioco, imbavagliato benissimo dal tecnico della Virtus, Gennaro Volpe, che ha cambiato modulo e ha annullato la fonte biancazzurra, oltre a bloccare gli sbocchi dalle corsie esterne con due uomini di sacrificio. Regalato ancora una volta un gol con un'azione l'ennesima nata da un fallo laterale in attacco degli avversari e da mancanza di lucidità nel tenere le misure e scarsa cattiveria nel contrastare. Anche la ripresa è andata via veloce, con l'avversario messo davvero sotto pressione solamente nel finale. 

Sezione: News / Data: Gio 29 aprile 2021 alle 11:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print