Nicola Legrottaglie mette in guardia i vertici del calcio segnalando un aspetto che forse in molti sottovalutano: la componente umana. “Si dovrà tenere poi conto anche dell’aspetto psicologico dei giocatori, che non sono proprio esenti da tutto quello che succede: c’è chi ha perso amici, familiari, conoscenti, non c’è lo spirito giusto. I giocatori non sono macchine”.

Sezione: News / Data: Dom 29 marzo 2020 alle 20:00
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print