Guglielmo Acri ha parlato al Messaggero della situazione in casa Pescara: «Per quanto riguarda Zauri, persona esemplare e professionista indiscutibile, è chiaro che qualcosa non ha funzionato come doveva. Da lontano è difficile farsi un’idea di cosa, ma probabilmente le aspettative di una piazza importante come Pescara non hanno trovato riscontro nei risultati ottenuti. Ma sono convinto che abbia ottime qualità da allenatore».

Ma se dovesse andare male, meglio Pillon o Di Biagio? «Gigi lo conosco personalmente e non sarebbe una scommessa alla cieca. Ha avuto la grande responsabilità di guidare una Nazionale importante come l’Under 21 ed ha fatto bene, sa gestire benissimo le pressioni, come testimonia la sua carriera da calciatore e anche l’interim della guida tecnica della Nazionale A prima dell’arrivo di Mancini, e caratterialmente può dare la scossa giusta. Ha i numeri per fare bene. Pillon è scelta diversa ma ugualmente intelligente: è l’usato garantito, nell’accezione buona, nel senso che ha tantissima esperienza, conosce bene l’ambiente e il gruppo storico di calciatori, ha già ottenuto ottimi risultati a Pescara e il suo inserimento sarebbe facilitato».

Sezione: News / Data: Mer 22 gennaio 2020 alle 19:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print