Forse quel pareggio all'Adriatico contro i dilettanti del San Nicolò Notaresco, lo scorso 30 settembre in Coppa Italia, doveva suonare come primo e profetico campanello d'allarme. Il Pescara, reduce da una retrocessione sul campo alla fine del campionato 2019/2020, evitata solo grazie ai guai societari del Trapani e ai rigori di Perugia, era ripartito più debole e incerto che mai. Errori su errori, che hanno riportato il Delfino in serie C dopo undici anni dall'impresa targata Eusebio Di Francesco: la promozione nei play-off contro il Verona, prima scintilla di un decennio in cui sono arrivate anche due promozioni in A e due play-off di B (finale persa contro il Bologna e semifinale persa contro il Verona). Nelle ultime due stagioni si è arrivati al caos tecnico. 

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Lun 03 maggio 2021 alle 09:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print