Luciano Zauri ha parlato cosi della sua avventura a Pescara: «Quando giochiamo in casa, dopo la gara, mio figlio Lorenzo di 7 anni viene subito da me, negli spogliatoi. E quando tutto è finito, quando lo stadio è vuoto, andiamo in campo e giochiamo. Io e lui. Il silenzio dentro lo stadio è una cosa unica, sensazione stupenda che ti rilassa, spezza la routine e abbassa le tensioni. Anche quando vinci».

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Gio 07 novembre 2019 alle 12:00 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print