Andrea Sottil ha parlato alla vigilia dell'ultima decisiva sfida di campionato contro il Chievo:

"Questa è La Partita, non è un modo di dire ma la realtà dei fatti. Vale il mantenimento della categoria, la città, il Pescara calcio, la piazza e la storia. Io devo fare delle valutazioni in modo lucido, ma devo mandare in campo una squadra che stia bene, che possa essere efficace nelle due fasi. Ma serve il coltello tra i denti e si va all'assalto di questa partita che è fondamentale"

E' carico il Pescara: "In queste partite la carica bisogna dosarla. Queste partite si caricano da sole. Sale l'adrenalina, sale la concentrazione e bisogna toccare i tasti giusti. Tutti siamo consapevoli del peso di questa gara, ma poi dobbiamo giocarla. Si rischia di non essere lucidi. Bisogna invece giocare a calcio, essere lucidi nella scelta, determinati, cattivi e affamati ma anche concentrati. Io devo essere bravo ad equilibrare questa carica"

Il Pescara dipende anche dagli altri campi: "Non non dobbiamo vedere gli altri risultati. Abbiamo preparato la partita consapevoli che dobbiamo essere intensi, aggressivi. Una partita che avrà tante sfaccettature. Tatticamente dovremo essere intelligenti e colpire nei loro punti deboli oltre a limitare i loro punti di forza. Ci sono tante sfaccettature da leggere in questa partita oltre al carico emotivo"

Tornerà Galano: "E' un giocatore importante per noi. Era dispiaciuto in questi giorni che non ha giocato, ma in questa partita mi aspetto da tutti una prestazione superlativa, ma lui è un giocatore che può spaccare le difese, ma dobbiamo giocare insieme, non si deve sentire troppo questa responsabilità. Noi dobbiamo essere bravi ad innescarlo bene con giocatori di qualità".

Sui singoli: "Bene, ha smaltito la contrattura e giocherà. Campagnaro è un centrale che piace molto, lui mi ha dato piena disponibilità. Lui ha i problemi che sapete, ma si è messo dentro da grande professionista. Se lo dovessi chiamare lui c'è perchè è un uomo vero, attaccato a questi colori. So che posso contare su di lui"

Come giocherà il Pescara: "A volte difendersi comprende diverse cose. Il calcio è imprevedibile. E' chiaro che cercare il gol e costruire un gioco difensivo arcigno può essere un'idea. Abbiamo giocatori di grande spessore che possono fare questo"

Sul Chievo: "E' una squadra composta da ottimi giocatori. Ci sono giocatori importanti. Il loro obiettivo era quello di vincere il campionato, però resta una squadra di qualità, con giocatori importanti che fraseggia bene ma ha dei punti deboli. Loro hanno motivazioni, per un posto nei playoff, noi per restare in vita calcisticamente parlando. Dovremo essere più bravi di loro"

Chiusura sull'atteggiamento che dovrà avere la squadra: "E' fondamentale andare in campo non troppo nervosi e troppo carichi. La testa dev'essere ben bilanciata. Sono sicuro che la squadra sarà concentratissima, poi si gioca a calcio e la palla non deve scottare. Ma questa squadra sa giocare bene a calcio, il Pescara è sempre stata una squadra che ha palleggiato bene. Bisogna essere pratici, se capita una palla gol devi essere cattivo e lucido. Tutte le occasioni e i momenti bisogna sfruttarli. La testa è avanti a tutto".

Sezione: Primo Piano / Data: Gio 30 luglio 2020 alle 22:24
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print