Roberto Breda è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Salernitana: "Sono recuperati Balzano e Bocchetti, ma aggreghiamo al gruppo Asencio e Drudi. Sono stati recuperati un pò tutti".

Sul mercato: "Sono arrivati due ragazzi con ottime qualità, si sono presentati bene. Portano qualità, struttura e quindi bene. Sono contento di chi è arrivato, e felice che qualcuno che ha trovato meno spazio è andato a giocare".

I nuovi innesti vanno a tappare i buchi: "Sorensen gioca centrale e a destra, dove eravamo carenti. Anche Odgaard è una punta vera con ampi margini di miglioramento e che può fare veramente bene".

Ha provato la difesa a 4 con Balzano: "Abbiamo provato anche la difesa a 4. Con tante situazioni, il fatto di avere due alternative diventa importante. Sia che dall'inizio o a gara in corso, è importante avere più frecce al proprio arco".

Sulla Salernitana: "Per me Salerno è stata la parte più importante della carriera da giocatore, sono stato capitano, per me non è una piazza come le altre. Ci aspetta una squadra arrabbiata e cattiva, dovremo fare una grande prova soprattutto di temperamento, perchè loro hanno dei problemi in fase difensiva e dovremo cercare di sfruttarli al meglio. Massimo rispetto ma giocheremo con l'idea di portare a casa più punti possibili. Loro giocano con due moduli, sia dall'inizio che durante la partita. Noi dobbiamo aspettarci una partita diversa da quella che hanno fatto con l'Empoli, perchè giocano in casa e sono arrabbiati. Recuperano anche due giocatori di temperamento a centrocampo. Noi dobbiamo prima pareggiare il temperamento e poi usare le nostre armi".

Machin-Galano hanno fatto già bene a Pescara: "Lavorare con la difesa a 4 significa recuperare un posto in mezzo o avanti, cerchiamo di recuperare questa situazione".

Potremo vedere anche un Pescara più brillante: "Questo è un gruppo che ha buone qualità, con i nuovi questa è aumentata. Dobbiamo capire il momento, se la qualità porta anche efficacia, è il nostro obiettivo perseguirla. Non possiamo fare esperimenti, dobbiamo tenere equilibrio, serve agire con cautela perchè non possiamo buttare via le partite. Cercheremo di utilizzare tutti i giocatori di qualità. Siamo un cantiere in divenire, con l'obiettivo di fare punti e cercare di trovare la strada migliore per riuscirci".

Esulterà in caso di vittoria: "Non esulto quasi mai, sarebbe un'anomalia. E' il mio modo di essere. Il cuore è una cosa, i ricordi sono indelebili, poi c'è il presente che dice che dobbiamo fare punti contro chiunque".

Odgaard è una punta vera: "Asencio ha le caratteristiche da prima punta. Mi piacciono queste caratteristiche, spesso nelle partite è capitato di riempire poco l'area. Ora ne abbiamo due che hanno queste caratteristiche".

A centrocampo, c'è bisogno di chi fa legna: "Può essere che sia uno degli obiettivi da qui alla fine. Ma a me va bene come stiamo andando, io lavoro e la società fa arrivare giocatori. Ci confrontiamo per migliorare la rosa, poi mi va bene. Se arriva va a completare un buco che non c'è, ma se non arriva siamo già una squadra competitiva".

Cosa è cambiato dal suo arrivo: "Su prima non posso dire nulla, se non ci sono dentro non si possono dare giudizi. Dobbiamo guardare al futuro. Come atteggiamento e squadra i ragazzi si sono messi sempre a disposizione e hanno dimostrato di volersi tirare fuori dal fondo della classifica. E' un campionato equilibrato e si alternano partite più o meno positive. Sono contento, abbiamo fatto 3 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte, non subendo gol in 4 partite. C'è tanto da lavorare, il gruppo ha ampi margini di miglioramento, è una squadra viva. Non dobbiamo perdere il modo di andare oltre le difficoltà e risolvere problemi, poi lavorare sulle nostre qualità".

Machin può giocare dal primo minuto: "Il fatto che i nuovi debbano partire dalla panchina non è vero. Sto valutando quale sistema tattico utilizzare. Potrebbe giocare anche con Maistro, dipende dal modulo".

Scognamiglio in partenza e in arrivo Pirola altro sinistro: "Queste cose fanno parte delle strategie di una società e può essere che accada questo o qualcosa di diverso, niente è scontato. Sono contento di come lavora la società, del gruppo, di come si sta comportando Gennaro, ma queste cose fanno parte di meccanismi e strategie che nel mercato capitano. Con i se e con i ma non si valuta niente e non possiamo sprecare energie. Gennaro è squalificato e vediamo cosa succederà. Pirola è un buon giocatore".

Sezione: Primo Piano / Data: Ven 22 gennaio 2021 alle 13:08
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print