Daniele Sebastiani ha cosi commentato la sconfitta contro il Cosenza: "E' una partita come quella di Pisa con tanto possesso palla fine a se stesso. Abbiamo perso per il gran tiro di Valzania, poi la partita è stata equilibrata. Potevamo pareggiarla con Galano e Clemenza ma non ci siamo riusciti. Sinceramente la partita non mi è piaciuta. La prestazione c'è stata, abbiamo perso contro una squadra che ha fatto un tiro in porta. Se continuiamo a trotterellare con il pallone tra i piedi diventa tutto difficile. Dobbiamo tirare in porta, tutti quei passaggi non ci portano da nessuna parte".

Il primo tempo non è stato dei migliori: "Si, Legrottaglie ha infatti corretto la squadra nella ripresa. Se non ci fosse stata la perla di Valzania il primo tempo sarebbe stato da sono. Loro hanno trovato quel gol e basta. Noi abbiamo fatto qualcosina, ma il primo tempo è stato brutto. Il secondo tempo la partita è stata più bella, ci sono state diverse azioni del Pescara. Si dovrebbe insistere nel servire Galano come in occasione del gol fallito".

Sei preoccupato per la classifica: "Poco cambia, siamo sempre li. E' una classifica che preoccupa tutti quelli che stanno dai 40 punti in giù. Le altre dietro corrono, è tutto un discorso aperto. Sono preoccupato il giusto, alterniamo buone prestazioni a momenti di blackout".

Su Palmiero: "Non è stato bene, mi auguro di vederlo in campo perchè ci da qualcosina in più nella fase di impostazione".

Clemenza ha dato una scossa alla squadra: "Ha colpi straordinari, deve giocare più vicino alla porta perchè può fare la differenza. Lui ha colpi importanti, ogni volta che ha giocato ha creato occasioni da gol, con tiri da fuori e invenzioni delle sue. Ha qualcosa in più che ti può risolvere le partite da un momento all'altro".

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 04 luglio 2020 alle 00:37
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print