Riccardo Sottil ha parlato dalla sede dei viola: «A Pescara sono stati sei mesi fantastici, perché ho acquisito esperienza che ti fa crescere, sia a livello mentale che sul resto. Chi esce dalla Primavera può avere difficoltà ad adattarsi, ma col tempo si prende il ritmo. Montella? Il mister era attaccante e noi da lui possiamo solo apprendere, rubare. Può insegnare certi movimenti», ha detto il classe '99, che ha già espresso il suo desiderio: se non sarà serie A a Firenze, tornerà a Pescara per essere protagonista. 

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Gio 11 luglio 2019 alle 13:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print