Zauri, però, in queste undici giornate, ha lentamente trovato l’assetto giusto e gli uomini giusti per rendere competitivo il suo Delfino. Da Galano a Machin, i due cannonieri, a Bettella, Memushaj e Palmiero, il Pescara di oggi comincia a fare sul serio e ha anche accorciato sulle grandi del campionato. Oggi è decimo con 16 punti, ma l’Empoli – sconfitto dalla capolista in fuga Benevento – ha un solo punto di vantaggio al settimo posto. Segno che la partita di sabato prossimo (ore 18 al Castellani) non sarà così scontata come poteva sembrare in estate. Le due squadre giocano con il 4-3-2-1 e hanno nella qualità del centrocampo il grande punto di forza. Già in estate, nel confronto di Coppa Italia vinto dall’Empoli solo ai supplementari, Zauri aveva creato non pochi problemi al suo ex allenatore Bucchi. Solo un gol di Moreo nei supplementari era riuscito a piegare i biancazzurri

Sezione: News / Data: Mar 05 novembre 2019 alle 16:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print