Al centro della difesa, il Pescara ha problemi sia numerici che tecnici. Al momento il reparto è composto dai confermati Scognamiglio, Drudi ed Elizalde, con l'uruguaiano destinato a cambiare aria per fare esperienza. A parte il possibile utilizzo di Jaroszynski come centrale (a tre, non a due), Oddo riparte dalla coppia che nella scorsa stagione assieme a Bettella ha dimostrato di non poter reggere un campionato di B (la difesa biancazzurra è stata la quintultima della B con 55 gol subiti, prima dei play-out, in cui ne sono stati subiti altri 3). Anche se venissero confermati sia Scognamiglio che Drudi, bisognerebbe urgentemente rinforzare la diga difensiva con (almeno) un giocatore di prima fascia e relativamente giovane. Alessandro Tuia, 30 anni, il profilo scelto dal Pescara, ma bisogna stringere per averlo a disposizione già questa settimana. Ampliare il reparto con un altro elemento (l'esperto Antei o il giovane Bellodi?), prima della scadenza del 5 ottobre, sarebbe una scelta saggia. Per il momento, è stata bloccata la cessione di Drudi (ma è in scadenza e ha offerte dalla C, Cesena su tutti, il club in cui è cresciuto). 

Sezione: News / Data: Lun 21 settembre 2020 alle 17:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print