Il presidente del Delfino è tornato anche a parlare di questioni più calcistiche. E ha spiegato il perché del no allo svincolato Cacciatore, con cui aveva già trovato l’accordo. “Nessun motivo fisico, ci tengo a dirlo per correttezza nei confronti del ragazzo – ha chiarito Sebastiani – . Quando arrivano i calciatori da noi viene fatto sempre uno screening completo in una clinica della città. Avevo avutomodo anche di parlare con Di Campli per l’aspetto economico, e non c’erano problemi. L’allenatore e i direttori, però, hanno ritenuto opportuno non prendere il giocatore: ci serviva un centrale di ruolo e quindi hanno deciso di non andare avanti nella trattativa, anche se avevamo trovato l’accordo su tutto. E’ stata una scelta prettamente tecnica”.

Sezione: News / Data: Mer 14 ottobre 2020 alle 12:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print