Gianluca Grassadonia è soddisfatto per il punto conquistato che inaugura la sua avventura in biancazzurro: "La squadra ha avuto l'atteggiamento giusto, sul piano nervoso e mentale, mi è piaciuta la sfrontatezza di provare a giocare senza paura. Ho avuto la risposta che cercavo dalla squadra, è chiaro che per avere determinati meccanismi serve tempo e ne abbiamo avuto pochissimo. Mi è piaciuta molto la voglia che ho visto in campo da parte dei miei ragazzi", le sue parole. "Dovevamo essere più cattivi e cinici, ma Fiorillo in pratica non ha fatto nemmeno una parata. Lavorare è l'unica medicina, facendo il massimo in ogni seduta di allenamento e migliorandoci. Voglio soldati, se mi passate il termine, voglio gente che sputi l'anima. Chi non rispetta questa regole è fuori dal discorso collettivo. Le chiacchiere stanno a zero, ormai. Bisogna lavorare su tutti i reparti, adesso dobbiamo recuperare qualche calciatore che ci può consentire anche di cambiare vestito tattico. Ripartiamo da questa voglia di rialzare la testa che abbiamo visto a Frosinone, cercando di migliorare le cose che non vanno senza dimenticare di valorizzare le cose buone che si sono viste. Noi non possiamo sperare, dobbiamo cercare di determinare per accelerare, vincere le partite e risalire la classifica. Ripartiamo con forza e coraggio", chiude il tecnico.

Sezione: News / Data: Sab 20 febbraio 2021 alle 13:20 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print