Potrebbe essere abruzzese il primo colpo del Pescara. La società lavora a un nuovo affare di mercato a sorpresa dalla C: è Alessandro Di Paolantonio, 27 anni, teramano, in questa stagione in forza all’Avellino, con cui ha realizzato 8 reti e 5 assist in 30 presenze. L’attaccante cresciuto ed esploso nel campionato di Eccellenza abruzzese e poi in serie D, con il San Nicolò, da un anno e mezzo gioca con gli irpini e ha un contratto in scadenza il prossimo 30 giugno. Mezzala destra nel 3-5-2 o centrale con il compito di costruire il gioco nel 3-4-3 (o trequartista all’occorrenza come ai tempi di San Nicolò), Di Paolantonio potrebbe ripercorrere le orme di illustri predecessori acquistati a parametro zero dalla Lega Pro e diventati protagonisti all’Adriatico con la maglia del Delfino. Vedi Lapadula e Mancuso, ma anche Melchiorri, preso dopo la stagione di Padova in B con il contratto in scadenza. Di Paolantonio, però, ad Avellino si trova benissimo, essendo arrivando da svincolato nell’autunno del 2018 in un periodo no della sua carriera. Non solo: il nuovo presidente dei Lupi, D’Agostino, intende costruire attorno a lui e altri giovani della rosa attuale un ciclo vincente, per questo gli sta per far firmare un rinnovo quadriennale. Sulle sue tracce ci sono già Ascoli, Cittadella e Pordenone.

Sezione: Focus / Data: Gio 26 Marzo 2020 alle 15:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print