Il direttore sportivo biancazzurro, Giorgio Repetto, dall’alto della sua decennale esperienza di campo, vede così la volata finale: “Partiamo in una situazione complicata – ha detto ieri la bandiera del Delfino – . Lo sarà per tutti, ovviamente, perché non era mai accaduto prima: ora bisognerà capire come reagiranno le squadre, ferme da tre mesi. Sarà da vedere questo prima di ogni altro aspetto. Il Pescara è atteso da partite molto complicate. Juve Stabia e Pisa, le prime due, sono avversarie che ho visto parecchie volte durante la stagione. Sono squadre dinamiche e aggressive, contro cui è difficile giocare. All’andata abbiamo fatto un’ottima partita contro il Pisa, ma poi li ho visti spesso e mi hanno impressionato. Devo riconoscere che il pescarese D’Angelo ha fatto un bel lavoro con i toscani, così come Caserta alla guida della Juve Stabia. E poi avremo l’Empoli in un turno infrasettimanale, a soli dieci giorni dalla ripresa. Una squadra che ha un’ottima guida come Pasquale Marino e che, come organico, se non è la più forte del campionato, ci va davvero molto vicino”.

Sezione: Focus / Data: Gio 04 giugno 2020 alle 14:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print