Messaggero - Gessa: "Zeman e Oddo avevano in comune il bel gioco. Oddo per me è stato fondamentale"

11.10.2018 15:00 di Redazione TuttoPescaraCalcio Twitter:   articolo letto 151 volte
Fonte: Messaggero
© foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com
Messaggero - Gessa: "Zeman e Oddo avevano in comune il bel gioco. Oddo per me è stato fondamentale"

Andrea Gessa sta vivendo un altro momento esaltante della sua vita calcistica pescarese. Due volte promosso in A, prima con Zeman e poi con Oddo, poi dirigente nella massima serie accanto al tecnico dell’ultima promozione, e ancora con il boemo e con Pillon adesso. Il 38enne di origini milanesi si è aperto ai microfoni di Rete8Sport: «Il Pescara di Zeman e quello di Oddo? Due squadre diverse, ma anche molto simili: in comune avevano il bel gioco e la voglia di vincere – ha detto durante il programma “A cena con…” – . Sono stati due bei gruppi. Quando si vince ci dev’essere sempre un’intesa speciale fuori dal campo, un amore per i compagni e una grande rispetto per lo staff. Devo ringraziare Oddo perché per me è stato fondamentale in un passaggio non semplice, da giocatore a dirigente. Lui lo ha reso graduale, mi coinvolgeva, mi faceva allenare con la squadra e cambiare un po’ alla volta la prospettiva». Ora che ha il pieno dominio del suo nuovo ruolo, Gessa sogna la terza serie A in biancazzurro.