Gazzetta - La cronaca di Pescara-Cittadella

 di Redazione TuttoPescaraCalcio Twitter:   articolo letto 27 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Gazzetta - La cronaca di Pescara-Cittadella

Il Cittadella gela l'Adriatico e vola in classifica, in attesa delle partite delle big di questo pomeriggio. Vince 2 a 1 a Pescara la squadra rivelazione di Venturato. Avvio shock per la squadra di casa. Dopo 1' e 40" primo angolo per i veneti, Bartolomei calcia nel cuore dell'area e trova lo stacco in terzo tempo di Adorni tra le maglie biancazzurre, ancora concentrate a godersi il sole dell'Adriatico. Cittadella in vantaggio e in grado di poter giocare, così, la partita sognata da Venturato in settimana: restare compatto nella propria metà campo, sporcare le giocate degli abruzzesi e cercare senza frenesia il colpo del k.o. Al 9' segnali di vita dal pianeta di Zeman: spunto di Benali e destro forte sul primo palo, Alfonso ci mette una pezza. La partita resta comunque in pugno ai veneti, che aspettano l'errore per colpire. Siega da sinistra si ritrova un'autostrada spianata grazie all'errato movimento della linea difensiva pescarese: il centrocampista controlla, taglia verso l'area e la piazza sotto la traversa al 18'. Una mazzata che fa sparire dal campo il Pescara. Poi Pelagatti, al 36', allarga il braccio su Mazzotta che lo supera in velocità in area: rigore che Benali realizza, rianimando la squadra di Zeman. Il finale è una sfuriata di Brugman e compagni, senza arrivare al pari e rischiando anche di subire il tris veneto con Kouame, che sancisce il primo tempo autoritario della squadra di Venturato. Nella ripresa è un altro Pescara, ma solo a sprazzi. Subito a un passo dal pari dopo 5' con Benali, sempre più arrembante con gli sfondamenti dalle corsie esterne. Manca la concretezza, per questo Zeman lancia Ganz per l'ultima mezzora. Ma passa di nuovo dai piedi di Benali la possibile palla del pari, alla mezzora: rigore in movimento, calciato altissimo. C'è poco di spumeggiante e di zemaniano nel tentativo blando e un po' sgasato di rimontare lo svantaggio. I veneti si difendono con ordine e senza tremare. E portano a casa una vittoria pesantissima.