Legrottaglie sta lavorando con quel che ha, e in questo momento non è molto. Gli infortuni hanno messo a nudo le carenze della rosa, ancora una volta indebolita dal mercato di gennaio. Il tecnico si è inventato un terzino goleador (Zappa), ha dato Bocic e tirato fuori dalla naftalina Bettella, ma se devi affidarti a tre ragazzini per tirarti su, c’è qualcosa che non quadra. Adesso si spera in Bojinov. Vedremo se dopo gli anni gtrascorsi lontano dal grande calcio, avrà ancora la capacità di cambiare faccia alla squadra dando sostanza all’attacco. Ma l’impressione è che, da questa squadra depotenziata nel talento, non bisognerà aspettarsi prestazioni tipo quella di Pordenone. Se prenderemo quei 90 minuti come punto di riferimento, rischieremo di restare sempre delusi. Questo deve essere il primo obiettivo. Il secondo è quello di ritrovare in fretta il miglior Galano che, da quando è rimasto orfano del talento di Machin, sembra essersi intristito. Altrimenti resterà condannato a inutili soliloqui tecnici.

Sezione: News / Data: Mar 18 Febbraio 2020 alle 19:00 / Fonte: Messaggero
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print