Il successore del dimissionario Luciano Zauri non sembra avere colpe specifiche (tra l’altro domenica scorsa era in tribuna, in quanto squalificato), tuttavia potrebbe anche essere a rischio, nonostante quasi tutti (ma non tutti) i vecchi candidati alla panchina biancazzurra (cioè Pillon, Marino, Di Biagio e Stellone) si siano già accasati nelle scorse settimane. D’altronde, la salvezza (o meno) del Pescara dipende soprattutto dalla percezione del pericolo: prima arriva meglio è. Insomma, è appena iniziata una settimana di passione, mentre dovrebbe essere finito il tempo degli esperimenti.

Sezione: News / Data: Mar 25 Febbraio 2020 alle 14:00 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Redazione TuttoPescaraCalcio / Twitter: @tuttopescara1
Vedi letture
Print