Lecce - Pescara, le pagelle: prestazione incolore, sconfitta meritata

31.03.2019 23:30 di Giacomo D'Intino   Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
Lecce - Pescara, le pagelle: prestazione incolore, sconfitta meritata

FIORILLO: 6

Non ha colpe in occasione dei gol. Nei minuti finali sventa il tris del Lecce.

 

CIOFANI: 5,5

Nonostante la sconfitta non sfigura in fase difensiva ma non si fa vedere mai davanti.

 

CAMPAGNARO: 5

Oggi l’esperto centrale argentino non offre una delle sue solite prestazioni. Molto nervoso nel finale.

 

SCOGNAMIGLIO: 5,5

Disattento, così come tutta la squadra, in occasione del vantaggio giallorosso. Va vicino al terzo gol di fila.

 

PINTO: 5

Esordio in biancazzurro difficile per l’ex terzino dell’Ascoli. Spende bene il giallo che, però, lo condiziona per il resto della gara. Rivedibile in occasione del raddoppio.

 

MEMUSHAJ: 5,5

Ha a disposizione vari calci da fermo per creare occasioni potenzialmente pericolose ma non riesce a incidere.

 

BRUNO: 5

Quella di oggi non era la sua partita. Contro un pressing asfissiante come quello del Lecce serviva un playmaker e lui non era l’uomo adatto a ricoprire questo ruolo. ( Dal 46’ BELLINI: 5,5 Non cambia le sorti del match ma protegge bene il pallone e fa salire come può la squadra.)

 

CRECCO: 5

In campo si vede veramente poco, commette qualche fallo di troppo ed è in balia del centrocampo avversario. (Dal 87’ DEL SOLE: s.v.)

 

BRUGMAN: 5,5

Nel primo tempo, in posizione di trequartista, si vede poco. Meglio nella ripresa nel suo ruolo naturale. Va vicino al gol su punizione.

 

MARRAS: 4,5

Il suo gesto di stizza lascia in dieci un Pescara già in difficoltà e lo condanna a saltare l’importante sfida con il Palermo.

 

MANCUSO: 5,5

Perde la sfida tra bomber con La Mantia. Si rende pericoloso solamente con un colpo di testa che non impensierisce più di tanto Vigorito. (Dal 83’ SOTTIL: s.v.)

 

PILLON: 5

Le sue scelte di formazione infelici spianano la strada ad un Lecce solido e cinico. Nel secondo tempo riesce quantomeno a limitare i danni.